Get Adobe Flash player
Previsioni Meteo
Login

CAI di Faeto e cave di Varana

I vecchi sentieri CAI di Serramazzoni sono la base di questa escursione fuori dei soliti schemi. Esistono vecchie carreggiate completamente in disuso che regalano scorci unici. Solo chi si spinge a perdersi inseguendo antiche tracce, riesce a scoprire e assaporarne in pieno la loro selvaggia bellezza. Questo è il caso del percorso che va Via Mortolore a Ca Torri a strapiombo sul Rio Cervaro, a mezza costa sulle pareti più verticali di Faeto. Mulattiera, la cui antichità è dimostrata dai vecchi muri a secco che la affiancano per lunghi tratti, ma che la natura ha riconquistato cancellandone quasi l’esistenza.  Il segno sbiadito bianco-rosso ti ricorda che non stai vagando per i boschi senza metà, che quel sentiero era forse un’antica strada che ha accompagnato tante persone a casa, quando la strada comunale non era nemmeno stata pensata…   Più adatto a camminatori che bikers, il percorso si snoda intorno al monte Faeto fino alla cava di Varana scendendo per un pezzo di Via Vandelli, per poi risalire di fianco alle Cascate del Rio Pulce fino a Casa Giacomone. La pedalabilità non è totale, brevi tratti a mano ma che sono ripagati da una natura quasi incontaminata. Veramente emozionante, la discesa parallela alla Via Vandelli!

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento